Seguici su Seguici su Facebook Seguici su Youtube Privacy

L’idea di Progetto nasce nel quadro degli interventi già avviati da RTM - Reggio Terzo Mondo, PfD – Partnership for Development e il Centro Donna Passi Leggeri (partner locali) nelle zone montane e svantaggiate del Nord Albania. Un’equipe congiunta composta da 2 esperti per partner ha svolto consultazioni con le donne locali che hanno rivelato una forte preoccupazione riguardo le condizioni socio-economiche in cui si trovano le donne rurali che vivono nelle comunità montane più remote. Gli elementi raccolti in questo percorso hanno, infine, spinto RTM, PfD e Centro Donna a dare vita a una nuova iniziativa congiunta per promuovere i diritti socio-economici delle donne rurali.

Contesto

Nella società albanese le disuguaglianze di genere sono ben visibili in ogni sfera: in famiglia, nell’istruzione, nel campo sanitario, nel lavoro e nella rappresentanza politica. L’Indice di Disuguaglianza di Genere del paese è uno dei più alti d’Europa (0.251, UNDP).

La violenza di genere è molto diffusa nella società e la violenza domestica ne costituisce la declinazione più frequente: almeno il 56% delle donne e il 46% dei bambini hanno subito violenza in ambito famigliare.

Negli ultimi anni il Governo albanese ha adottato una serie di politiche e strumenti legislativi per combattere il fenomeno della violenza sulle donne e promuovere l’uguaglianza di genere, tuttavia i progressi verso una efficace implementazione delle politiche antidiscriminatorie sono limitati e discutibili, in particolare nelle aree rurali e nelle zone montane del Nord Albania. Qui donne e bambini sono esposti con più frequenza a episodi di violenza e affrontano difficoltà maggiori rispetto a chi vive nelle città. Qui le tradizioni patriarcali rimangono più forti e hanno più presa che in altre zone del Paese. Qui la tolleranza verso la violenza di genere è altissima e la violazione dei diritti della donna è un fenomeno costante e sistematico.

In queste zone vige ancora all’interno delle comunità, parallelamente alla legge ufficiale, un codice tribale denominato KANUN. Si tratta di un codice di origine medioevale che definisce le regole della vita sociale, familiare ed economica delle comunità del Nord Albania. In esso la donna e’ definita letteralmente come “un otre a servizio e disposizione del marito”. Si tratta, quindi, di un insieme di regole basate sulla consuetudine e la violazione esplicita e sistematica dei più basilari diritti delle donne e della parità di genere. Tali tradizioni determinano fortemente l’identità di genere e i ruoli sociali.

L’idea di Progetto nasce nel quadro degli interventi già avviati da RTM - Reggio Terzo Mondo, PfD – Partnership for Development e il Centro Donna Passi Leggeri (partner locali) nelle zone montane e svantaggiate del Nord Albania. Un’equipe congiunta composta da 2 esperti per partner ha svolto consultazioni con le donne locali che hanno rivelato una forte preoccupazione riguardo le condizioni socio-economiche in cui si trovano le donne rurali che vivono nelle comunità montane più remote. Gli elementi raccolti in questo percorso hanno, infine, spinto RTM, PfD e Centro Donna a dare vita a una nuova iniziativa congiunta per promuovere i diritti socio-economici delle donne rurali.

Contesto

Nella società albanese le disuguaglianze di genere sono ben visibili in ogni sfera: in famiglia, nell’istruzione, nel campo sanitario, nel lavoro e nella rappresentanza politica. L’Indice di Disuguaglianza di Genere del paese è uno dei più alti d’Europa (0.251, UNDP).

La violenza di genere è molto diffusa nella società e la violenza domestica ne costituisce la declinazione più frequente: almeno il 56% delle donne e il 46% dei bambini hanno subito violenza in ambito famigliare.

Negli ultimi anni il Governo albanese ha adottato una serie di politiche e strumenti legislativi per combattere il fenomeno della violenza sulle donne e promuovere l’uguaglianza di genere, tuttavia i progressi verso una efficace implementazione delle politiche antidiscriminatorie sono limitati e discutibili, in particolare nelle aree rurali e nelle zone montane del Nord Albania. Qui donne e bambini sono esposti con più frequenza a episodi di violenza e affrontano difficoltà maggiori rispetto a chi vive nelle città. Qui le tradizioni patriarcali rimangono più forti e hanno più presa che in altre zone del Paese. Qui la tolleranza verso la violenza di genere è altissima e la violazione dei diritti della donna è un fenomeno costante e sistematico.

In queste zone vige ancora all’interno delle comunità, parallelamente alla legge ufficiale, un codice tribale denominato KANUN. Si tratta di un codice di origine medioevale che definisce le regole della vita sociale, familiare ed economica delle comunità del Nord Albania. In esso la donna e’ definita letteralmente come “un otre a servizio e disposizione del marito”. Si tratta, quindi, di un insieme di regole basate sulla consuetudine e la violazione esplicita e sistematica dei più basilari diritti delle donne e della parità di genere. Tali tradizioni determinano fortemente l’identità di genere e i ruoli sociali.

Lo SCOPO PRINCIPALE dell’intervento è quello di sostenere l’implementazione, nelle aree più rurali e remote del Nord Albania, delle politiche nazionali volte al miglioramento della tutela dei diritti delle donne, della promozione dell’uguaglianza di genere e dello sviluppo locale. L’obiettivo specifico è così quello di rafforzare il ruolo dei gruppi di base di donne nella promozione dell’empowerment socio-economico delle donne rurali nelle aree montane dei Comuni di  Vau i Dejës, Pukë e Fushë Arrëz (Regione di Scutari), tra le aree più sottosviluppate dell’intero paese.

I beneficiari diretti del Progetto WOMEN sono 24 gruppi e/o organizzazioni di base di donne [360 donne] che operano e hanno sede nelle aree montane delle 3 Municipalità di Vau Dejës, Pukë e Fushë Arrëz.

WOMEN interviene su 3 problemi principali, tra essi correlati: profondo isolamento, scarsa capacità in campo economico, dipendenza economica.

Verranno realizzati 3 ATTIVITÀ rivolti ai gruppi di donne rurali:

  • SENSIBILIZZAZIONE attraverso l’avvio e gestione di 3 Sportelli WOMEN nei Comuni di Vau Dejës, Pukë e Fushë Arrëze fornitura di servizi di consulenza a gruppi di donne rurali sull’empowerment economico;
  • FORMAZIONE: realizzazione di un programma di formazione su attività generatrici di reddito e pianificazione imprenditoriale rivolto ai gruppi di donne rurali;
  • SUPPORTO FINANZIARIO: creazione del Fondo di Dotazione WOMEN per l’empowerment economico di donne rurali, realizzazione di 1 campagna informativa sul Fondo di Dotazione WOMEN rivolta ai gruppi di donne delle comunità montane beneficiarie, erogazione di mini-grants ai gruppi di donne rurali beneficiarie del Fondo di Dotazione WOMEN e monitoraggio delle iniziative pilota da esse avviate, fornitura di assistenza tecnica ai gruppi di donne beneficiarie del Fondo di Dotazione WOMEN per un corretto sviluppo delle iniziative da esse avviate.

Scarica le cartelle   CfP 1 ,    CfP 2   e   CfP 3

RISULTATI ATTESI dalla realizzazione del Progetto WOMEN:

  • accrescere la consapevolezza delle donne rurali sui loro diritti sociali ed economici;
  • aumentare le capacità di pianificazione e sviluppo di iniziative di lavoro autonomo delle donne rurali;
  • migliorare l’accesso ad opportunità di finanziamento per le organizzazioni di base di donne rurali.

 

Partner locali

CENTRO DONNA PASSI LEGGERI

Il Centro Donna “Passi Leggeri” (“Qendra e Gruas Hapa të Lehtë” in albanese) è una associazione no profit albanese, con sede nella città di Scutari, che opera per la promozione dei diritti delle donne e nella lotta alla violenza di genere dal 2001.

“Passi Leggeri” è uno spazio aperto e autogestito da uno staff di 10 donne albanesi e frequentato ogni anno da centinaia di donne e ragazze della città di Scutari e nasce con l’obiettivo di essere un luogo di aggregazione, confronto, socializzazione, formazione e supporto tra donne.

Sito: www.hapatelehte.org

FONDAZIONE PARTNERSHIP FOR DEVELOPMENT (PfD)

PfD è un’organizzazione no profit albanese con sede a Tirana impegnata dal 2006 in 3 settori principali d’intervento: sviluppo agricolo e rurale, formazione di enti locali e gruppi/organizzazioni di produttori, tutela dell’ambiente e delle foreste.

PfD concentra i suoi interventi nel Nord Albania e può contare su una vasta e consolidata rete di esperti di settore e contatti istituzionali nell’area d’intervento. Ha già realizzato più di dieci programmi di sviluppo cofinanziati da UE, MAE, Governo Albanese e diverse Agenzie ONU.

PfD ha contribuito in maniera determinante allo studio di fattibilità del Progetto WOMEN attraverso la raccolta e analisi di dati e informazioni, l’esplorazione dei bisogni dei beneficiari e la creazione di una rete reale di sostegno all’iniziativa da parte delle istituzioni locali.

Enti Associati

  • Comune di Puka
  • Comune di Vau Dejes
  • Comune di Fushe Arrez

Media Partner

Albamedia news - Albnews

RTM Volontari nel mondo -  onlus - Codice Fiscale 80013110350