Seguici su Seguici su Facebook Seguici su Youtube

Fattoria condivisioneIl progetto si sviluppa nello stato di Bahia che conta circa 12 milioni di abitanti di cui un terzo vive al di sotto della soglia di povertà, il 34% è analfabeta e più di 15.000 minori vivono in una situazione di sostanziale abbandono, i cosiddetti “bambini di strada”.
Particolarmente preoccupante è quindi la condizioni dei fanciulli che a causa di contesti familiari fragili e spesso violenti si ritrovano a vivere in strada. La mancanza di opportunità scolastiche, di interazione in contesti positivi e di protezione, la frequente violenza nei quartieri, spingono questi bambini verso le gang e quindi a commettere piccoli e grandi reati. Inizia così per loro un lungo percorso dentro e fuori le istituzioni carcerarie con conseguenze drammatiche per la loro crescita e il loro sviluppo.

RTM interviene per offrire a questi ragazzi in conflitto con la legge luoghi per scontare le loro pene alternativi al carcere, misure socio-educative che consentano il loro recupero e il loro reinserimento nella società. La proposta educativa di RTM intende affrontare il problema della carente applicazione delle misure socio educative previste dallo statuto del Bambino e dell’Adolescente, in particolare l’assenza di opportunità di recupero per gli adolescenti in conflitto con la legge e la mancanza di tutela dei loro diritti fondamentali.

In collaborazione con il Tribunale dei Minori, l’intervento di RTM consiste nel convertire la loro pena in libertà vigilata o lavori socialmente utili all’interno della Fattoria Condivisione situata nelle vicinanze di Salvador, capitale della Bahia.
La Fattoria ospita circa 80 minori tra i 12 e i 17 anni all’interno di 10 case famiglie dove i ragazzi seguono un percorso di riabilitazione a contatto con la natura, attraverso un accompagnamento scolastico e post-scolastico, attività educative e professionalizzanti accompagnati da un’equipe di educatori, psicologi, pedagoghi e assistenti sociali.

Fattoria condivisioneIl progetto si sviluppa nello stato di Bahia che conta circa 12 milioni di abitanti di cui un terzo vive al di sotto della soglia di povertà, il 34% è analfabeta e più di 15.000 minori vivono in una situazione di sostanziale abbandono, i cosiddetti “bambini di strada”.
Particolarmente preoccupante è quindi la condizioni dei fanciulli che a causa di contesti familiari fragili e spesso violenti si ritrovano a vivere in strada. La mancanza di opportunità scolastiche, di interazione in contesti positivi e di protezione, la frequente violenza nei quartieri, spingono questi bambini verso le gang e quindi a commettere piccoli e grandi reati. Inizia così per loro un lungo percorso dentro e fuori le istituzioni carcerarie con conseguenze drammatiche per la loro crescita e il loro sviluppo.

RTM interviene per offrire a questi ragazzi in conflitto con la legge luoghi per scontare le loro pene alternativi al carcere, misure socio-educative che consentano il loro recupero e il loro reinserimento nella società. La proposta educativa di RTM intende affrontare il problema della carente applicazione delle misure socio educative previste dallo statuto del Bambino e dell’Adolescente, in particolare l’assenza di opportunità di recupero per gli adolescenti in conflitto con la legge e la mancanza di tutela dei loro diritti fondamentali.

In collaborazione con il Tribunale dei Minori, l’intervento di RTM consiste nel convertire la loro pena in libertà vigilata o lavori socialmente utili all’interno della Fattoria Condivisione situata nelle vicinanze di Salvador, capitale della Bahia.
La Fattoria ospita circa 80 minori tra i 12 e i 17 anni all’interno di 10 case famiglie dove i ragazzi seguono un percorso di riabilitazione a contatto con la natura, attraverso un accompagnamento scolastico e post-scolastico, attività educative e professionalizzanti accompagnati da un’equipe di educatori, psicologi, pedagoghi e assistenti sociali.

Fattoria condivisioneL’intervento ha contribuito ad accrescere l’interesse e le capacità operative delle Istituzioni dello Stato di Bahia che si occupano del recupero dei minori in conflitto con la legge, a formare e qualificare gli educatori e gli assistenti coinvolti nel progetto, a recuperare  e favorire l’integrazione sociale di 80 ragazzi dai 14 ai 17 anni  e ad offrire  loro una formazione professionale in grado di favorire la loro crescita umana ed un concrete inserimento lavorativo una volta scontata la pena.
Il Governo dello Stato di Bahia oggi finanzia sia con risorse umane che economiche tutte le strutture di accoglienza per minori alternative al carcere operanti nello Stato. In ottemperanza a quanto previsto dall’ECA (Statuto del Bambino e dell’Adolescente), il Governo si impegna a sostenere il mantenimento dei minori per il periodo di pena previsto ed il personale tecnico addetto (educatori, psicologi, pedagoghi e coordinatori) di ogni struttura e ad offrire loro percorsi mirati atti all’inserimento sociale e lavorativo.
Beneficiari: 80 minori dai quattordici ai diciassette anni e 20 funzionari delle diverse istituzioni partecipanti: la FUNDAC (ente statale per la tutela dei bambini e adolescenti), il Tribunale dei Minori, il Consiglio Tutelare e la stessa controparte (Fundação Franco Gilberti), coinvolti nelle attività di formazione e monitoraggio del progetto.
Beneficiari indiretti: il Ministero Federale di Giustizia ed i disoccupati della zona rurale del Municipio di Pojuca.

Il progetto è terminato nel 2010.

Fattoria condivisione

  • Ente Statale responsabile delle carceri minorili
  • Fundação Franco Gilberti

Co-finanziatori:

RTM Volontari nel mondo -  onlus - Codice Fiscale 80013110350